Strumenti gratuiti di programmazione pin su Pinterest

Che strumenti gratuiti esistono per programmare pin su Pinterest?

(Aggiornato al 18 Febbraio 2024)

Sto aggiornando questo articolo perché alcuni degli strumenti che descrivo, non li utilizzo più o hanno reso la fruizione così complicata che ne ho scoperti altri!

Molte delle obiezioni che mi sento fare quando parlo di inserire Pinterest in un ecosistema digitale di una qualsiasi attività, é: richiede tanto tempo. Posto che dedicherò un articolo a parte su questo argomento, in questo articolo consiglio 4 strumenti gratuiti per programmare pin su Pinterest.

Programmare pin su Pinterest ti fa risparmiare un sacco di tempo, esattamente come programmare contenuti per altre piattaforme. Solo che molti non sanno che si possono utilizzare tools terzi per programmare pin su Pinterest, oltre allo strumento nativo di programmazione (di cui parlo qui).

Attenzione: Questi tool esterni per programmare contenuti su Pinterest gratuitamente devono essere partner approvati Pinterest o API partners.

Al momento io ne ho individuate 4:

Tool per programmare contenuti su Pinterest gratuitamente

Tool per programmare contenuti su Pinterest gratuitamente: Descrizione tool di programmazione

TAILWIND. Tailwind nasce appositamente per Pinterest, è stata la prima a intuire che, dato che Pinterest richiede una programmazione e un’organizzazione massiccia, forse conveniva correre in soccorso. Infatti, permette di programmare i propri pin e di salvare pin altrui (pratica che io sconsiglio) anche fino a un anno. Esiste una versione gratuita e una pagamento. La versione gratuita permette di programmare e usufruire di tutte le features fino a 20 pin. Nell’ultimo anno ha aggiunto delle funzionalità assai interessanti, tipo il ghostwriting. In pratica, inserendo la url del link che rimanderebbe al tuo blogpost/prodotto/servizio/newsletter, ti genera diverse descrizioni che tu puoi ovviamente cambiare a piacimento. Ti chiede quali sono le keywords che vuoi promuovere e le inserisce nelle descrizioni.

Altra funzione interessante è la creazione (il numero di creazione pin si somma ai 20 totali mese). Discutibile assai, ma comoda. Si possono apportare piccole modifiche per far sembrare a Pinterest che il pin che stiamo pubblicando è nuovo. Le funzioni sono veramente tantissime, dal ghostwriter che ti scrive le descrizioni dei pin e te ne genera fino a che non trovi quello che ti piace, fino alla creazione della lista di bacheche (funzione molto comoda per salvare lo stesso pin in bacheche raggruppate per argomento). Vi lascio qui un tutorial veloce.

LATER: Purtroppo Later non ha più un piano gratuito, ma solo un periodo di prova di 14 giorni. Non lo trovo molto intuitivo nella programmazione pertanto, secondo il mio modesto parere, non vale i soldi che richiede. Ma se qualcuno lo utilizza per altre piattaforme, può valere la pena usarlo anche per Pinterest. Scordiamoci tutte le funzioni di Tailwind.

METRICOOL: Il mio preferito in assoluto! Lo avevo scoperto anni fa e mi era piaciuto il fatto che si possono collegare, in versione gratuita, tantissime piattaforme/social: TikTok, il tuo sito, il canale YouTube, Instagram, Facebook, Facebook ads, Google Ads, etc. Insomma, veramente molto completo. Inoltre, il fatto di collegare così tante piattaforme ti offre la possibilità di avere dei dati analitici che non sono quelli di Google Analytics, ma danno comunque un’idea di quello che succede sui tuoi canali. Si possono caricare pin con metodo csv, si possono modificare le grafiche, genera brevi testi con l’intelligenza artificiale e crea short links per campagne. Con il piano gratuito si hanno a disposizione 50 post/mese, divisi naturalmente fra tutti i canali che abbiamo linkato a Metricool. Io posto solo Pinterest e capite bene che 50 al mese sono più che sufficienti per una programmazione massiccia su Pinterest. Ti lascio un piccolo tutorial.

BUFFER: Buffer fa il suo sporco lavoro. Sempre semplice e intuitivo, anche lui purtroppo però non prevede più un piano gratuito ma un periodo di prova. La cosa interessante è che si collega al vostro Canva. Questo è interessante perchè potete creare in diretta le grafiche da programmare/pubblicare. E dato che Buffer è su piazza da tanto tempo, copre veramente tantissimi social. Vale quindi la pena di farci un pensiero. Lascio tutorial.

Perchè è importante usare tool di programmazione?

E’ importante, e confortante, sapere di avere a disposizione degli strumenti di programmazione, soprattutto gratuiti, perchè Pinterest, soprattutto per un profilo nuovo, richiede una certa costanza. Il Pinterest 3.0 è diverso da quello anche di 2 anni fa: non viene più richiesto un numero esorbitante di pin per sembrare attivi su Pinterest. Se la tua costanza è fatta di 1 pin al giorno, ok, fai 1 pin al giorno ma tutti i giorni. Non fare ghosting! Non pinnare a manetta per 10 giorni e poi sparisci…come faccio io! Io sono un pessimo esempio.

Ma a mia difesa vorrei raccontarti un piccolissimo episodio di questa settimana. Su Slack stavo avendo una conversazione con una collega americana. Anche lei lamentava il fatto che il suo Pinterest fosse malconcio (presente il calzolaio con le scarpe rotte?). Parlando parlando, siamo arrivate alla conclusione auto assolutoria che, se i nostri profili Pinterest patiscono, è perchè stiamo lavorando per far brillare i profili dei nostri clienti (e i risultati si vedono) o per formarci.

Perchè Pinterest cambia in continuazione e se non gli stai dietro, resti indietro.

Tool e strumenti per programmare contenuti su Pinterest gratuitamente: Conclusioni

Ma tornando ai tool di programmazione. Personalmente penso che la combo scheduler nativo Pinterest+Metricool sia la combo migliore. Pinterest copre 15 giorni di programmazione (con un limite di 20 al giorno) e Metricool gratuito copre 50 pin al mese, direi che siamo coperti. Inoltre, da app Pinterest si può già programmare un mese di pin e le idea pin.

Se intendi inserire Pinterest nella tua comunicazione digitale, e io ci penserei vista l’instabilità di altre piattaforme, non ti resta che prenotare la tua call gratuita qui.

Inoltre, potrebbe interessarti questo articolo dove rispondo a tutte le FAQ e parlo anche di programmazione per facilitare il lavoro.

Articoli correlati

Miti da sfatare su Pinterest: serve un blog? Non è detto…

Miti da sfatare su Pinterest: serve un blog? Non è detto…

SFATIAMO IL MITO DEL BLOG (MA NON TROPPO…) Ti sei mai trovato a pensare che per essere su Pinterest si debba avere un blog? La sfida principale che molti affrontano è l'idea di dover creare e gestire un blog per farlo. Ma cosa succede se ti dicessi che c'è una via più...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *