DIFFERENZE FRA I SOCIAL E QUALE SCEGLIERE PER IL PROPRIO BUSINESS

By Socialmediachiara
Maggio 25, 2021
DIFFERENZE FRA I SOCIAL E QUALE SCEGLIERE PER IL PROPRIO BUSINESS

Premessa necessaria: nessun social è nato per vendere. Vendere resta la CONSEGUENZA  della nostra presenza sui social. Se sappiamo starci, i fantomatici algoritmi ci premieranno e quindi, forse, saremo in grado di CONVERTIRE > portare traffico al proprio sito, creare brand awareness, vendere sul proprio e-commerce).

Sapere però le differenze fra i vari social, può aiutare a scegliere quello che fa per noi. E quindi, via, verso il bullet-spiegone:

  • FACEBOOK: padre di tutti i social, il suo scopo è fare community, non trattare le persone da “portafogli”. Ovvio che bisogna esserci, tutti. Quindi, diciamo subito che FB è una presenza necessaria. Anche in virtù dei numeri essendo il più popolato, secondo solo a Youtube.
    Come può essere usato da un brand? Per dare informazioni utili riguardo ai propri prodotti/servizi.
    Avere una pagina FB è importante anche perchè un business la dovrà collegare all’account Instagram.
  • INSTAGRAM: nato nel 2010, in pochissimo tempo è diventato il social che “converte” di più (v.s.). Come FB, va bene per tutti, dai liberi professionisti alle grandi aziende, ma come per FB l’importante è sempre creare contenuti di valore, informare, e regalare “pillole” del nostro servizio/prodotti per intrattenere la nostra community e fidelizzarla.
  • PINTEREST: nato nel 2009, ci ha messo un po’ a entrare nei nostri cuori, in Italia è ancora poco usato (e questo, paradossalmente, è un bene) Definirlo social è fargli un enorme torto, è un Google ma molto meglio impaginato e con immagini molto più belle. Nel solo 2019 ha conosciuto un incremento di utenti del 9,1%, raggiungendo quota 300K di persone. Ecco perchè è un bene che sia ancora moderatamente popolato.
    Ha un ulteriore vantaggio rispetto ai social di Mark: la vita dei post. Mentre su FB/IG i post hanno una vita media di 90 minuti, su Pinterest la vita di un Pin/Post si aggira sui 3 mesi e mezzo. Quindi va da sè che è molto conveniente esserci.
    Viene prevalentemente utilizzato per cercare idee, su tutto: dai tagli di capelli alle idee per la casa, alle soluzioni per le piante.
    Quindi a chi è adatto: liberi professionisti quali architetti, interior designers, ingegneri, make up artist, professionisti dei social, garden designers, pubblicitari, chi ha un e-commerce, jewellry design, brandi di abiti. Insomma, essendo uno strumento di ricerca visiva e non, è adatto a tutti coloro che offrono servizi e hanno un e-commerce.

Approfondirò altri due social (twitter e Linkedin) in un altro post perchè aspetto commenti.

Spero questo post vi sia utile e si accettano suggerimenti.

PS: questo post è stato scritto domenica 11 ottobre, alle ore 19.30 ascoltando John Coltrane suonare I’m Old Fashioned.

Post Correlati

Da leggere

Cosa sono le Idea Pin di Pinterest?

Cosa sono le Idea Pin di Pinterest?

Che tu venda prodotti fisici o digitali, o servizi, hai un motivo per essere su Pinterest: essere scoperto da chi cerca quello che tu offri. Vediamo cosa sono le idea pin di Pinterest e come usarle per la tua attività. Cosa sono le pin idea di Pinterest Introdotte in...

Su di me

Maria Chiara Celani

Sono Chiara, sono una Pinterest Specialist e posso aiutarti a portare il tuo business su Pinterest con una strategia studiata sui tuoi obiettivi.

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *